Sclerosi multipla, un sacchetto di mele per fare sparire la malattia

Sclerosi multipla, evento organizzato da La Mela di Aism

Sclerosi multipla, da venerdì 1 a lunedì 4 ottobre a Roma si celebrerà la giornata del Dono Day. Si prova a fare sparire la malattia con soltanto un sacchetto di mele; l’evento è ‘La Mela di Aism’, promosso dall’Associazione italiana sclerosi multipla e si svolge anche quest’anno sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il patrocinio della Fondazione Pubblicità Progresso. Il Testimonial del 2021 è lo chef Alessandro Borghese, come sempre al fianco di Aism. Anche quest’anno lo chef vuole prestare il suo volto all’iniziativa di sensibilizzazione per una raccolti fondi pronta a garantire e potenziare tutti  i servizi pensati e destinati alle persone che soffrono di Sclerosi multipla. I soldi che saranno devoluti durante l’evento saranno utili per sostenere la ricerca scientifica. La donazione richiesta è di 9 euro che consentono anche di prenotare un sacchetto di mele rosse, gialle o verdi da 1,8 kg ricche di gusto. Per poter prenotare basta contattare la sezione provinciale Aism della propria città. Sul sito http://www.aism.it/mela è disponibile l’elenco di tutte le città che hanno espresso la propria disponibilità a partecipare.

Cos’è la sclerosi multipla?

La sclerosi multipla è una malattia grave che colpisce il sistema nervoso centrale. E’ cronica, imprevedibile, in alcuni casi anche invalidante. Chi soffre di sclerosi multipla spesso va incontro a disturbi del movimento, della vista ma anche dell’equilibrio, il decorso della malattia infatti è diverso da persona a persona. Ad essere maggiormente colpiti sono spesso i giovani, al momento la ricerca non è in grado di motivarne le cause e proprio per questo motivo non c’è ancora una cura definitiva. In Italia, sono 3.600 le persone che vengono colpite all’improvviso dalla malattia ogni anno. Le diagnosi sono una ogni 3 ore. Delle 130mila persone malate di sclerosi in Italia, il 10% sono bambini, il 50% sono invece giovani sotto i 40 anni. La malattia causa disabilità neurologica nei giovani adulti. Il rischio di ammalarsi di Sm in Italia è medio-alto e il costo sociale medio ruota intorno a 6 miliardi di euro. Questi sono i motivi che spingono a parlare di una grande emergenza sanitaria e sociale. Si chiede aiuto in qualunque modo perchè il sostegno economico in casi come questo risulta essere fondamentale. Sono tantissimi i giovani che dopi i 18 anni sono costretti a cambiare piani e progetti di vita ritrovandosi ad affrontare un percorso inaspettato che pone di fronte a numerose difficoltà. Le varie associazioni che si occupano di sclerosi multipla provano a sostenerli facendo in modo che i ragazzi possano proseguire la propria vita avendo la certezza di un aiuto e di un appoggio fisico e non soltanto.

Ecco come donare e quanto donare chiamando il 45512

La manifestazione che si svolgerà a partire dai primi di ottobre non è l’unica organizzata con lo scopo di raccogliere fondi. E’ attivo anche un numero solidale di Aism, cioè il 45512 che oltre che sostenere la ricerca scientifica su tutte le forme gravi di sclerosi multipla mira anche a sostenere il progetto ‘ripartire insieme’. Gli importi della donazione vanno da 5 a 10 euro e variano in base alla chiamata se da rete fissa Tim Vodafone, WindTre, Fastweb o Tiscali. Chiamando da rete fissa Twt la donazione è di 5 euro, stessa cosa per Convergenze e PosteMobile, è invece di 2 euro se si chiama da cellulare personale Tim, WindTre, Vodafone, PosteMobile, Iliad, CoopVoce, Tiscali. All’iniziativa ‘La Mela di Aism’ aderisce anche Assaeroporti, ovvero l’associazione italiana che si occupa della gestione degli aeroporti, in particolare quelli di Bari, Bologna, Alghero, Brindisi, Foggia, Milano Linate, Cagliari, Genova, Milano Malpensa, Napoli, Venezia, Verona, Olbia, Palermo, Pescara, Roma Ciampino, Rimini, Roma Fiumicino, Taranto Grottaglie, Torino, Trapani e Treviso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *